Notte di Halloween: piccola guida sui film da guardare nella sera più terrificante dell’anno

Tra i molti modi per festeggiare la notte di Halloween uno dei più gettonati rimane quello di riunirsi con gli amici per guardare un bel film di paura. Ma quale scegliere? Niente timore, con questa piccola guida divisa per tematiche potrete orientarvi nel mare magnum del genere horror.

I non-morti: vampiri e zombie

L’ombra del vampiro di Elias Merhige (2000).

Se siete amanti dell’oscurità e a una bella giornata di sole preferite una notte buia e tempestosa, ecco alcuni film sui vampiri che potranno fare al caso vostro. Il primo è un grande classico, un capolavoro della storia del cinema e si tratta di Nosferatu di Friedrich Wilhelm Murnau (1922). Il film appartiene alla corrente dell’espressionismo tedesco e si ispira al romanzo Dracula di Bram Stoker. Nosferatu racconta la storia di una coppia di giovani innamorati che viene in contatto con la misteriosa figura del conte Orlok. Attorno al film ruotano alcune leggende, una fra tutte si riferisce al fatto che Max Schreck, l’attore che interpretava Nosferatu, fosse veramente un vampiro. Questa bizzarra diceria ha fornito la trama al film L’ombra del vampiro di Elias Merhige (2000) con Jonh Malkovich nei panni di Murnau e Willem Dafoe in quelli di Schreck.

L’affascinante figura del vampiro attraversa tutta la storia del cinema e viene rielaborata in modi sempre diversi. Un film davvero molto interessante su questo tema è A Girl Walks Home Alone At Night di Ana Lily Amirpour. La storia parla di una giovane vampira che si aggira per le strade di Bad City, una città mediorientale dove vivono piccoli criminali, tossicodipendenti, prostitute. Questo film è l’opera prima della regista di origini iraniane che interpreta in modo originale e personale il mito del vampiro.

Benvenuti a Zombieland di Ruben Fleischer (2009).

Un’altra figura sempre presente nel genere horror e che può vantare una fama pari a quella dei vampiri è sicuramente lo zombie, che da anni affolla i nostri piccoli e grandi schermi. «Quando non ci sarà più posto all’inferno, i morti cammineranno sulla terra», così dice la celebre frase presa da Zombi di George A. Romero (1978). Romero è a tutti gli effetti il padre degli zombie che con La notte dei morti viventi (1968) inizia una grandiosa serie di film dedicata proprio ai non-morti. Gli zombie hanno invaso il cinema e sono diventati protagonisti di cult come Zombi 2 di Lucio Fulci (1979) o il più recente 28 giorni dopo di Danny Boyle (2002) che trasforma il non-morto da zombie a infetto. Gli zombie sono poi diventati oggetti di parodia, come accade nel divertente Benvenuti a Zombieland di Ruben Fleischer (2009) che appunto mette alla berlina gli stereotipi dei film di questo tipo.

Demoni e possessioni

Insidious di James Wan (2010).

Un tema molto frequentato, soprattutto dagli horror contemporanei, è quello delle possessioni demoniache. Un film sempre consigliato è sicuramente il grande classico L’esorcista di William Friedkin (1973) a partire dal quale il cinema ha ospitato una serie di personaggi posseduti da malvagi demoni pronti a consumare i corpi e le anime delle loro vittime. Non si può parlare di questa sottocategoria senza citare James Wan, il regista che ha dato nuova linfa vitale al genere creando addirittura un suo universo espanso. I suoi film più riusciti sono i primi due capitoli della saga Insidious (Insidious del 2010 e Oltre i confini del male: Insidious 2 del 2013) che trattano appunto di demoni e possessioni mentre l’altra pellicola che l’ha reso celebre è L’evocazione – The Conjuring (2013) che vede come protagonista la coppia realmente esistita di demonologi Ed e Lorraine Warren. In tutti questi film, James Wan cerca di dare la sua visione dell’horror e tra i registi contemporanei di genere è uno dei più talentuosi proprio perché è riuscito a creare un suo marchio ben riconoscibile. Inoltre, in quanto a brividi si può dire con certezza che Wan sia molto abile nella costruzione di scene horror da incubo.

Serial killer a piede libero: gli slasher

Halloween di David Gordon Green (2018).

Ancora un’altra categoria è lo slasher movie diventato famoso nel 1978 con il capostipite Halloween – La notte delle streghe di John Carpenter, che merita sempre una visione durante la notte più terrificante dell’anno. Come si sa, questo sottogenere ha per protagonista un maniaco omicida (spesso mascherato) che dà la caccia a un gruppo di adolescenti. È quello che succedeva nel film di Carpenter dove il killer era il famigerato Michael Myers, portato ancora una volta sullo schermo quest’anno con Halloween di David Gordon Green, uscito la settimana scorsa nelle nostre sale. La stessa dinamica viene ripresa anche nei cult del genere Nightmare – Dal profondo della notte (1984) e Scream (1996) di Wes Craven. Questo filone è adatto a chi ama lo splatter e per le sue caratteristiche si presta a ibridarsi con la parodia, come già succedeva in Scream e nei suoi tre seguiti. Spesso horror e commedia vanno a braccetto, come accade nel film del 2011 Quella casa nel bosco di Drew Goddard in cui il regista si diverte a giocare con gli stereotipi del genere in una storia dal sapore meta-cinematografico.

Serie TV: horror per tutti i gusti

American Horror Story – Stagione 2: Asylum (2012).

Per concludere la carrellata, non si possono dimenticare i titoli delle serie tv horror più interessanti per chi ama spaventarsi di puntata in puntata. Una di quelle più seguite è American Horror Story, serie antologica iniziata nel 2011 e ancora in corso. Ogni stagione è diversa dalla precedente e ruota attorno a un tema e a un’ambientazione specifica. Le stagioni migliori sono le prime tre: Murder House dove le vicende si svolgono in una casa infestata, Asylum che ci proietta all’interno di un manicomio e Coven che parla di una congrega di streghe. Un’altra serie tv horror particolarmente riuscita è Penny Dreadful, con protagonista Eva Green e composta da tre stagioni, iniziata nel 2014 e conclusa nel 2016. La storia è ambientata nella Londra vittoriana dove si aggirano creature di ogni tipo, tutte figure molto note nella letteratura e cinematografia gotica come vampiri, lupi mannari, streghe.

Questa piccola guida di consigli è tutt’altro che esaustiva, anche perché il mondo horror è immenso, sterminato, sempre in continua evoluzione, un vero universo di mostri e fantasmi da scoprire non solo ad Halloween ma in ogni periodo dell’anno.